A.S.D. Ginnastica Ritmica La Coccinella
Agonistica PDF Stampa E-mail

 

06 

Bellezza ...

 

   ... armonia ...

 

... eleganza ...

 

        ... grazia ...

 

Sono solo alcune

delle qualità

che spiccano e incantano

nelle atlete della ginnastica ritmica.

  

  

04   

Ma per far sbocciare

questo patrimonio di bellezza e meraviglia

c'è un lavoro infinito,

abbinato a tanta forza di volontà,

ad una grande determinazione e,

soprattutto,

a tanta, tanta passione.

 

La ginnasta agonista

affascina, stimola i sogni

ed i desideri di tante bimbe

ma dietro al sorriso

ed al luccichio dei body ornati di strass

c'è un lungo percorso,

che richiede impegno,

costanza,

fedeltà.

  

  

 

09 

   

Ma   

se vuoi   

inseguire   

un sogno   

ti devi   

dedicare   

ad esso!    

   

farfalla-cuore_pid_395_1_zoom

   

  

 

 

 

 

 

 

02 

 

Sicuramente,

ed è un requisito imprescindibile,

si parte con un bagaglio di doti

particolari

e personali

che ci sono state donate.

 

Poi bisogna innamorarsi,

appassionarsi

della disciplina

e,

con grande entusiasmo,

giorno dopo giorno,

mettersi in gioco,

accettare le sfide ...

  

 

11

    

...anche

se presentano

qualche fatica

e qualche rinuncia,

senza cedere

davanti alle difficoltà

ed agli ostacoli

che immancabilmente

coronano la strada

e la carriera

di qualsiasi percorso agonistico,

  

  


12 

fidarsi dell'allenatore

che ti accompagna

per farti crescere

allenamento

dopo allenamento ...

   

  

13

...gioire della presenza delle tue compagne di squadra.

 

Avere coraggio di porsi obiettivi,

di coltivare grandi sogni

e di guardare

al di là dei propri limiti

riconoscendo

e rispettando le regole

che ogni disciplina presenta,

dando sempre il meglio di sé.

  

 

Spalancare gli occhi e la mente, accogliere con un sorriso i successi e trovare la forza per continuare, nonostante la stanchezza, fedele compagna di viaggio.

 

Grande umiltà, per rialzarsi dalle delusioni e dalle proprie aspettative tradite e capire quale percorso intraprendere per raggiungere la "mia" vetta. Certo, la "mia" vetta, non quella della compagna di squadra o dell'avversaria. Perchè ogni cammino è esclusivo, unico, irripetibile.

 

Grande umiltà,perchè la sconfitta non è un fallimento ma uno stimolo, una gara finita male non è una profonda delusione ma solo un altro punto di partenza e ...

 

... e allora, sono emozioni incredibili, gioie immense, bellezza allo stato puro da assaporare e gustare. 

 

 

                               

                           

a

a


aaa

aaa aaa aaa


 

 

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Giugno 2019 22:33